pornfile

MEDIAFIN_2_DI_LI_CALZI_ARCANGELO..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
lunedì 29 agosto 2016 12:00
Notizie Politica: Terremoto, Giannini: “Studenti in classe dal primo giorno”
Scritto da Redazione1   
ImageContinua la paura nelle zone del centro Italia colpite dal terremoto dove la terra continua ancora a tremare. Ma, a pochi giorni dall'inizio del nuovo anno scolastico, si pensa alle scuole distrutte e ai giovani ragazzi, pensiero fisso del ministro dell'istruzione Stefania Giannini che, intervistata dal Corriere della Sera ha dichiarato: “Sul crollo della scuola di Amatrice ristrutturata nel 2012 non è compito della politica l'accertamento delle responsabilità, ma della magistratura. Se verranno accertate delle responsabilità dirette, e sarebbe molto grave, valuteremo la costituzione del Miur come parte civile in un eventuale processo. Ma ora non è questa la priorità".
La ministra spiega che è "totale" l'impegno del governo per far sì che il primo giorno di scuola gli studenti delle zone terremotate siano in classe. "È mia volontà inaugurare l'anno scolastico proprio in quelle zone". "Sono in corso le verifiche tecniche sulle 15 scuole della zona", che ospitano "circa 750 studenti", afferma Giannini escludendo l'ipotesi di trasferimenti temporanei in altre scuole.
"Faremo restare tutti gli studenti nella loro zona: la scuola è una parte essenziale di quel senso di comunità che è importante tenere vivo". È "molto probabile", quindi, l'uso di soluzioni provvisorie, cioè scuole in prefabbricati o container. La Giannini esclude il rischio che le soluzioni provvisorie finiranno con l'essere impiegate per anni, come ancora accade all'Aquila.
"Per fortuna i numeri delle scuole coinvolte sono più contenuti rispetto al terremoto in Abruzzo. E poi il governo si è mosso subito per mettere a disposizione i soldi che servono: tre milioni e mezzo per il materiale didattico, le biblioteche e i laboratori, altri 4 per le attività extrascolastiche e pomeridiane". I tempi per la ricostruzione "potremo dirli solo una volta finita la verifica delle strutture. Il governo ha stanziato subito tutti i 20 milioni di euro che la legge per la Buona scuola prevede in caso di interventi straordinari per l'adeguamento antisismico, più altri 3 milioni che saranno utilizzati dagli enti locali per le verifiche".
A livello nazionale, aggiunge Giannini, "in due anni abbiamo fatto interventi di adeguamento antisismico per 300 milioni di euro".
 
 
< Precedente   Successiva >

Politica: Ultime Notizie

Amministrative, FI chiede “pausa di riflessione” da Ferrandelli
La corsa a primo cittadino del capoluogo siciliano si fa sempre più ricca di colpi di scena. Adesso, Forza...
25-mar-2017 17:49  leggi tutto

Manager della Sanità, adesso la scelta attraverso un albo
Rrivoluzione nella Sanità italiana. I manager, infatti, non saranno più scelti dalla politica ma attraverso...
25-mar-2017 17:37  leggi tutto

Giunta, slittano le nomine negli enti regionali
La giunta regionale, riunita dal governatore Rosario Crocetta, ha approvato il disegno di legge di proroga dell’esercizio...
23-mar-2017 11:24  leggi tutto

Ztl, Ferrandelli: "La rimodulazione è solo una mossa elettorale"
''La rimodulazione delle Ztl è chiaramente una manovra elettorale e dimostra ciò che noi abbiamo sempre sostenuto, ovvero...
22-mar-2017 11:13  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...