pornfile

Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
sabato 15 ottobre 2016 11:38
Notizie Economia: Ape, agevolazioni e contributi: ecco come cambia la pensione
Scritto da Redazione   
ImageNovità sul fronte delle pensioni anticipate: sembra che l'ape agevolata riguarderà anche operai edili, maestre d'asilo e una parte di infermieri. Tuttavia, aumenta il numero di contributi necessari per l’ottenimento del reddito ponte in attesa della pensione di vecchiaia.

Questo quanto emerso dall'incontro tra Governo e sindacati, secondo i quali saranno necessari al-meno 36 anni di contributi per uscire dal lavoro a 63 anni, mentre occorrono 30 anni per ottenere il beneficio se si è disoccupati, disabili o parenti di primo grado di disabili. Il pacchetto minimo di contributi richiesti, introdotto dal Governo Tra le novità apportate la possibilità, per chi compie 63 anni, e quindi è distante meno di 3 anni e sette mesi dall'età di vecchiaia, di andare in pensione anticipata grazie al prestito pensionistico. L'Ape è esente da imposte ed è erogata ogni mese per 12 mensilità.

Il prestito sarà restituito in 20 anni con una rata sulla pensione del 4,5%-4,6% per ogni anno di anticipo rispetto all'età di vec-chiaia. Tuttavia, la rata non copre completamente la restituzione del capitale nè gli interessi e il premio assicurativo. In caso di premorienza il capitale residuo sarà rimborsato dall'assicurazione e quindi non si rifletterà sulla pensione di reversibilità o sugli eredi. Lo strumento entrerà in vigore il 1 maggio 2017.

Pensione anticipata anche per chi possiede 41 anni di contributi, ma solo per i lavoratori che hanno 12 mesi di contributi versati prima dei 19 anni nel caso siano disoccupati senza ammortizzatori sociali, disabili o rientrino nelle categorie previste per l'Ape social. Chiaramente potranno andare in pensione prima dei 63 anni di età mentre saranno eliminate le penalizzazioni sul trattamento pensionistico per coloro che escono prima dei 62 anni che sarebbero dovute tornare in vigore nel 2019.

Ampliato anche il range di coloro che percepiscono la quattordicesima con un aumento del 30% dell'importo per coloro che hanno già il beneficio. Ad avere la 14esima saranno coloro che hanno un reddito personale complessivo, non solo pensionistico, tra circa 750 e 1.000 euro al mese. La quattordicesima ha un valore compreso tra i 336 euro (per chi ha meno di 15 anni di contributi) e 504 (per chi ne ha oltre 25 anni) ed è erogata una volta l'anno a luglio.
 
 
< Precedente   Successiva >

Economia: Ultime Notizie

Statali, licenziati entro un mese per i furbetti del cartellino
Stop ai “furbetti del cartellino”. Arriva il via dal Cdm ai decreti Madia bis sul taglio delle partecipate...
18-feb-2017 10:51  leggi tutto

Assunzioni nella P.A, stabilizzazione per i precari da 3 anni
Assunzioni straordinarie per superare il precariato. Questo il progetto per chi lavora nella Pubblica Amministrazione. ...
16-feb-2017 11:04  leggi tutto

I forestali tornano in piazza
Le graduatorie dei forestali, dalle quali la Regione attinge per avviare gli operai al lavoro, resteranno così come...
17-feb-2017 10:55  leggi tutto

Congiuntura Res, crescita debole per l'economia siciliana
L’economia siciliana, con il suo carico cronico di debolezze, mantiene un passo di crescita troppo lento per poter...
16-feb-2017 10:54  leggi tutto

Artigianato, circa 1000 chiusure a Palermo
Maglia nera, a Palermo, dove, nel 2016, circa mille artigiani hanno chiuso la propria attività. E' quanto emerge dal...
14-feb-2017 11:09  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...