pornfile

ITALFIRE_SRL..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
giovedì 25 agosto 2016 12:48
Notizie Economia: Scuola, siglato accordo per i prof inviati al nord
Scritto da Redazione   
ImageUn accordo che offre la possibilità a tantissimi docenti siciliani di continuare ad insegnare nel territorio di residenza. E' il contratto siglato ieri, a Palermo, dai sindacati della scuola Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e dalla Direzione dell'Ufficio scolastico regionale.
Secondo i sindacati si tratta di "una prima risposta positiva e una soluzione, anche se non definitiva, alle tensioni e ai conflitti che hanno coinvolto diverse centinaia di docenti costretti a lasciare le proprie famiglie".
Nuovo spiraglio, dunque, per centinaia di docenti siciliani di ruolo al Nord: potranno trascorrere un anno vicino a casa se otterranno l’assegnazione provvisoria, che quest’anno vede in palio parecchi posti in più.
"È stato un risultato importante quello raggiunto - spiegano i sindacati - e che riguarda la stipula dell'accordo su assegnazioni e utilizzazioni docenti per il nuovo anno scolastico".
Il confronto più aspro e serrato ha riguardato l’articolo per il contratto integrativo regionale della Sicilia, che consente a chi chiede, ed ha il diritto di essere assegnato in via provvisoria in una delle province siciliane, di poter dare la disponibilità anche al sostegno degli alunni diversamente abili senza il prescritto titolo di specializzazione.
I docenti che daranno la disponibilità potranno fruire dei posti assegnati in deroga per la Sicilia, dopo quelli con il titolo, quelli che hanno il diritto a chiedere quella tipologia di posto e dopo l’accantonamento dei posti per i docenti iscritti in graduatoria ad esaurimento ed in graduatoria d'istituto con il titolo prescritto. Si dovrà dare ulteriore disponibilità mediante modulistica predisposta dagli uffici scolastici territoriali entro un determinato tempo e si utilizzerà per l’assegnazione di detti posti la graduatoria delle assegnazioni provvisorie.
"Abbiamo insistito - spiegano i sindacati - su questo punto e abbiamo trovato nella Direzione Regionale, visto il momento straordinario, una sponda favorevole affinché quest’ultima 'scialuppa di salvataggio' potesse concretizzarsi. Adesso spetta alla politica nazionale e locale attuare quanto necessario per far sì che in Sicilia si possa avere una scuola di qualità e di pari dignità del resto d’Italia".
 
 
< Precedente   Successiva >

Economia: Ultime Notizie

A Palermo ci sono di nuovo gli sciuscià per le strade
Tornano i lustrascarpe a Palermo e da oggi l'antico mestiere riprende vita sulle strade della città. Il...
22-giu-2017 10:29  leggi tutto

Edilizia, frena l’emorragia delle imprese artigiane a Catania
Catania in testa in Sicilia nel settore edile artigiano. È nel territorio etneo, infatti, che si registra la dinamica...
21-giu-2017 10:49  leggi tutto

Costruzioni, netto calo dei lavoratori ad Enna
Dimezzato il numero dei lavoratori che operano nel settore delle Costruzioni ad Enna. Dal 2008 ad oggi gli occupati...
19-giu-2017 11:02  leggi tutto

Ape sociale e precoci, al via le domande
Al via la possibilità di presentare le domande all’Inps¡di accesso all’Ape sociale o al pensionamento...
17-giu-2017 09:54  leggi tutto

Hotel e resort, nuova vita per i fari abbandonati
''Nuovo look'' per 15 tra fari e strutture storiche sulle coste italiane, con l'affidamento in concessione alle società...
10-giu-2017 10:20  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...