pornfile

DNA_BONSIGNORE..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
martedì 10 gennaio 2017 12:21
Notizie Cronaca: Ragazza bruciata a Messina difende l'ex
Scritto da Redazione   
ImagePoteva essere l'ennesimo caso di femminicidio, tentato e non riuscito fortunatamente, ma il crimine che è accaduto a Messina nel quartiere Bordonaro dove una ragazza è stata arsa alle sei del mattino con fuoco e benzina, è diventato un dramma dai risvolti sociologici e psicologici complicati. Ylenia Grazia Bonavera, la ventiduenne che è ancora ricoverata in ospedale per le ustioni sul 13% del corpo, infatti, dalla sua stanza d'ospedale, difende il fidanzato, o ex, secondo le prime ricostruzioni, il 24enne Alessio Mantineo di Messina che è stato fermato dalla Procura per tentativo di omicidio pluriaggravato. Per la polizia di Stato e i magistrati è stato lui a darle fuoco. «Se uno ti ama non ti può fare questo. Non è stato lui». Quello che ha gettato la benzina addosso e poi ha appiccato il fuoco «era molto più alto di me, capelli lunghi, robusto», invece «il mio ragazzo è molto più basso di me e senza capelli». «Ero andata a ballare, con amici - ricostruisce - ero un pochettino ubriaca e quando sono tornata a casa ho sentito bussare alla porta». Ha aperto senza chiedere chi fosse. Ed è allora che è scattata l'aggressione. Prima di tornare a casa aveva incontrato Alessio che le ha «pure regalato un po' di soldi, - ha detto la ragazza - mi ha baciato, eravamo tranquilli». Per Ylenia, lui si è presentato in Questura per dire «io non scappo, sono qua». E su chi possa averla aggredita ipotizza: «C'è tanta gente invidiosa: ho perso parecchi chili, e uomini e donne sono rimasti... male, ora dicono: 'Guarda che è bella'». M Secondo la Procura di Messina la posizione del 24enne non cambia. Il fermato, è stato identificato da altri elementi di prova che sono stati allegati alla richiesta di convalida inviata al Gip. L'uomo è accusato di tentativo di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà. Le indagini della squadra mobile sono coordinate dal procuratore aggiunto Giovannella Scaminaci e dal sostituto Antonella Fradà. Dalla Procura di Messina si sottolinea che "nessuna denuncia era stata presentata in passato" dalla 22enne e che "l'immediato intervento della squadra Mobile ha permesso di chiarire le dinamiche di quanto accaduto e le responsabilità" del suo ex fidanzato che ieri sera si è presentato in Questura, accompagnato dal suo legale, avvalendosi della facoltà di non rispondere.  
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Soccorsi 150 migranti, anche un neonato di 45 giorni
Operazioni di soccorso di migranti sono state effettuate nel Mediterraneo Centrale, da parte delle unità...
23-mag-2017 10:40  leggi tutto

Mafia: boss ucciso; due le piste investigative
Gli inquirenti sono al lavoro sull'omicidio della Zisa che ha riportato la città di Palermo indietro di anni...
23-mag-2017 10:31  leggi tutto

La nave della legalità a Palermo con mille studenti
Come da tradizione per l'anniversario della strage di Capaci il porto di Palermo ha accolto i mille studenti arrivati con la...
23-mag-2017 10:28  leggi tutto

Morace risponde al gip. Entra Franza nell'inchiesta
Nell'inchiesta per corruzione che ha portato all'arresto dell'armatore Ettore Morace spunta il nome di Vincenzo Franza...
23-mag-2017 10:25  leggi tutto

Ucciso il boss Giuseppe Dainotti alla Zisa
Palermo ripiomba nel clima di violenza, con un omicidio di mafia avvenuto in strada e in pieno giorno, nel quartiere Zisa...
22-mag-2017 11:07  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...