pornfile

ITALFIRE_SRL..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
sabato 15 ottobre 2016 12:07
Notizie Cronaca: Immigrazione, fermato presunto scafista a Pozzallo
Scritto da Redazione   
ImageE' accusato di essere il responsabile dello sbarco delle scorse ore, a Pozzallo. Con questa accusa, la polizia ha fermato KOUTOUBO Seydi, 20 anni, originario del Senegal.

Secondo alcuni testimoni sarebbe stato lui a condurre il gommone partito dalle coste libiche. Sembra che, insieme ad altre persone presenti in Libia, traesse profitti dagli ingressi clandestini nella Penisola. Gli uomini della Polizia di Stato - Squadra Mobile Questura di Ragusa - con la partecipazione dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, hanno sottoposto a fermo lo scafista di origini senegalesi, ritenuto responsabile oltre che del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina anche della morte come conseguenza di altro delitto di circa 18 persone.

Il delitto è aggravato dal fatto di aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale in Italia di più di 5 persone; perché è stato commesso da più di 3 persone in concorso tra loro; per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale delle persone esponendole a pericolo per la loro vita e incolumità ed inoltre per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale le persone sono state sottoposte a trattamento inumano e degradante.   I migranti, provenienti dal centro Africa, sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri. A

ttimi di panico quelli raccontati dai sopravvissuti: gli uomini a bordo del barcone, si sarebbero spogliati per evitare che una perdita di benzina bruciasse il loro corpo, mentre le donne per non denudarsi rimanevano ustionate. I compagni di viaggio tentavano di aiutare quelli caduti in mare, ma per molti non c’è stata possibilità di aiuto, una donna con il bambino dopo essere caduti in mare venivano tirati su a bordo, ma durante quelle fasi, considerato che il giubbotto salvagente era grande, il piccolo che era con lei scivolava perdendosi tra le onde.

Il presunto scafista durante l’incidente in mare non curandosi di aver assunto il comando del gommone, non avrebbe prestato alcun aiuto ma, avrebbe preso un bidone di benzina , allontana dosi e usandolo come galleggiante. Dopo gli accertamenti sull’identità dello scafista, il giovane è stato condotto presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
 
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Arriva in Italia il super autovelox che non solo registra, e multa, l'eccesso di velocità ma grazie
Arriva in Italia il super autovelox che non solo registra, e multa, l'eccesso di velocità ma grazie a una...
23-mar-2017 11:19  leggi tutto

Quattro arresti per l'omicidio di Caponnetto a Paternò
Quattro presunti appartenenti alla famiglia mafiosa santapaola-ercolano e, in particolare, alla frangia operante...
23-mar-2017 11:17  leggi tutto

''Assenteismo'' a Termini Imerese, licenziato impiegato comunale
Ancora un “furbetto del cartellino”. Stavolta, l'episodio si sarebbe verificato a Termini Imerese, dove...
22-mar-2017 10:32  leggi tutto

Ztl, stop al divieto per le auto il sabato mattina
Rivoluzione per la Ztl palermitana. Il comune, infatti, dice stop al divieto di circolazione, senza pass, per le auto...
22-mar-2017 10:30  leggi tutto

Rifiuti a Catania, Comune e Rap dicono no
Dopo la notizia della possibilità di trasferire i rifiuti di Palermo nel Catanese, Comune e Rap sono scesi in campo...
22-mar-2017 10:27  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...