pornfile

AFFARINORO2..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
sabato 15 ottobre 2016 12:07
Notizie Cronaca: Immigrazione, fermato presunto scafista a Pozzallo
Scritto da Redazione   
ImageE' accusato di essere il responsabile dello sbarco delle scorse ore, a Pozzallo. Con questa accusa, la polizia ha fermato KOUTOUBO Seydi, 20 anni, originario del Senegal.

Secondo alcuni testimoni sarebbe stato lui a condurre il gommone partito dalle coste libiche. Sembra che, insieme ad altre persone presenti in Libia, traesse profitti dagli ingressi clandestini nella Penisola. Gli uomini della Polizia di Stato - Squadra Mobile Questura di Ragusa - con la partecipazione dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, hanno sottoposto a fermo lo scafista di origini senegalesi, ritenuto responsabile oltre che del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina anche della morte come conseguenza di altro delitto di circa 18 persone.

Il delitto è aggravato dal fatto di aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale in Italia di più di 5 persone; perché è stato commesso da più di 3 persone in concorso tra loro; per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale delle persone esponendole a pericolo per la loro vita e incolumità ed inoltre per aver procurato l’ingresso e la permanenza illegale le persone sono state sottoposte a trattamento inumano e degradante.   I migranti, provenienti dal centro Africa, sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri. A

ttimi di panico quelli raccontati dai sopravvissuti: gli uomini a bordo del barcone, si sarebbero spogliati per evitare che una perdita di benzina bruciasse il loro corpo, mentre le donne per non denudarsi rimanevano ustionate. I compagni di viaggio tentavano di aiutare quelli caduti in mare, ma per molti non c’è stata possibilità di aiuto, una donna con il bambino dopo essere caduti in mare venivano tirati su a bordo, ma durante quelle fasi, considerato che il giubbotto salvagente era grande, il piccolo che era con lei scivolava perdendosi tra le onde.

Il presunto scafista durante l’incidente in mare non curandosi di aver assunto il comando del gommone, non avrebbe prestato alcun aiuto ma, avrebbe preso un bidone di benzina , allontana dosi e usandolo come galleggiante. Dopo gli accertamenti sull’identità dello scafista, il giovane è stato condotto presso il carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
 
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Soccorsi 150 migranti, anche un neonato di 45 giorni
Operazioni di soccorso di migranti sono state effettuate nel Mediterraneo Centrale, da parte delle unità...
23-mag-2017 10:40  leggi tutto

Mafia: boss ucciso; due le piste investigative
Gli inquirenti sono al lavoro sull'omicidio della Zisa che ha riportato la città di Palermo indietro di anni...
23-mag-2017 10:31  leggi tutto

La nave della legalità a Palermo con mille studenti
Come da tradizione per l'anniversario della strage di Capaci il porto di Palermo ha accolto i mille studenti arrivati con la...
23-mag-2017 10:28  leggi tutto

Morace risponde al gip. Entra Franza nell'inchiesta
Nell'inchiesta per corruzione che ha portato all'arresto dell'armatore Ettore Morace spunta il nome di Vincenzo Franza...
23-mag-2017 10:25  leggi tutto

Ucciso il boss Giuseppe Dainotti alla Zisa
Palermo ripiomba nel clima di violenza, con un omicidio di mafia avvenuto in strada e in pieno giorno, nel quartiere Zisa...
22-mag-2017 11:07  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...