AFFARINORO2..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
giovedì 13 ottobre 2016 13:18
Notizie Cronaca: Furti in casa, incastrata banda di catanesi
Scritto da Redazione2   
ImageI Carabinieri della Compagnia di Modica hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti pregiudicati, accusati di numerosi furti in abitazione. Una vera e propria banda che compieva furti in abitazione, catturata nel quartiere Librino di Catania. Dopo essere stati condotti in caserma per le formalità di rito, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

I Carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal G.I.P. del tribunale di Ragusa, Andrea Reale, su richiesta avanzata dal Pubblico Ministero, Francesco Puleio, titolare dell’indagine, a seguito dell’attività investigativa condotta dai militari dell’Arma. Gli arrestati sono Francesco BONACCORSO, nato a Catania, nell’81, e pregiudicato, Emanuele DAINOTTI, nato a Catania, nell‘80, e pregiudicato; Giuseppe INDELICATO, nato a Catania, nel ’68, pregiudicato; Francesco PUGLISI, nato a Catania, classe ’78, pregiudicato; Salvatore VERGA, nato a Catania, classe ’91, pregiudicato.

A carico degli indagati, sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza per il reato di furto in abitazione aggravato in concorso, commesso innumerevoli volte tra l’anno 2015 ed il 2016. Tali indizi sono stati ricavati dalle denunce-querele e dai riconoscimenti effettuati da parte delle persone offese e dagli accertamenti svolti. Le indagini sono cominciate alla fine di ottobre 2015, quando i carabinieri hanno arrestato, in flagranza di reato, tre pregiudicati catanesi, due dei quali erano Emanuele Dainotti e Francesco Puglisi, sorpresi a rubare all’interno di un’abitazione in Via San Nicolò a Scicli.

Da successivi accertamenti è emerso che gli stessi soggetti erano stati segnalati quali possibili autori di furto in diverse province della Sicilia, e probabilmente anche autori di numerosi altri furti in abitazione avvenuti sul territorio della Compagnia di Modica.

Il modus operandi della banda era sempre lo stesso, dopo aver noleggiato un’autovettura a Catania, si recavano in trasferta verso le mete prescelte per i furti e, una volta raggiunte, mentre uno dei componenti faceva da palo, almeno altri due si avvicinavano all’abitazione da colpire e, dopo aver citofonato con insistenza per verificare che non vi fosse nessuno all’interno, forzavano una finestra o la porta con gli arnesi da scasso per poi rubare ciò che trovavano all’interno, soldi, attrezzature da lavoro, elettrodomestici, oro e gioielli. In totale hanno commesso una decina di furti per un danno complessivo che si aggira intorno ai 30.000 euro.  
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Arrestato il pericoloso latitante Andrea Nizza
I carabinieri del Comando Provinciale di Catania, coordinati della Procura Distrettuale della Repubblica etnea...
16-gen-2017 12:49  leggi tutto

Arrestato latitante agli imbarcaderi della Caronte
Messina, blitz dei Carabinieri agli imbarcaderi della Caronte : arrestato un latitante e la compagna. Aveva con...
16-gen-2017 12:05  leggi tutto

Freddo, interventi nelle scuole di Palermo
Per far fronte all'emergenza freddo di cui è previsto un picco tra la metà e la fine della prossima settimana...
16-gen-2017 11:49  leggi tutto

Furti al centro commerciale Forum e La Torre. 4 arresti
I Carabinieri negli ultimi mesi hanno intensificato, con mirati servizi, i controlli all’interno dei megastore e nei...
16-gen-2017 11:43  leggi tutto

Smascherata truffa agli istituti finanziari
I Carabinieri della Stazione Palermo Scalo hanno smascherato una truffa agli istituti finanziari messa in atto tramite carte...
16-gen-2017 11:25  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

PRIMAVERA_RISTORANTE_PIZZERIA
Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...