pornfile

MEDIAFIN_2_DI_LI_CALZI_ARCANGELO..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
mercoledì 07 settembre 2016 11:45
Notizie Cronaca: Rifiuti, si rischia una nuova emergenza
Scritto da Redazione   
ImageRitmi troppo elevati per le discariche di Bellolampo e Siculiana rischierebbero di creare ancora il caos rifiuti in Sicilia. Sembra, infatti, essere giunto il momento di ridurre la quantità di rifiuti trattati nelle due discariche. A renderlo noto è l’Arpa, l’Agenzia regionale per l’ambiente, che ha comunicato stamattina all’assessorato ai rifiuti i dati sull’inquinamento dei due impianti. L'agenzia ha dichiarato che l'indice respirometrico di Palermo, ossia la quantità di agenti inquinanti che si producono all’interno degli impianti di biostabilizzazione durante il trattamento dei rifiuti, è salito a quota 4.687. A Siculiana, invece, si è arrivata a oltre 1.600.

Gli impianti mobili di biostabilizzazione sono stati sistemati in tutta fretta nelle discariche a fine luglio. È la soluzione grazie alla quale la Regione è riuscita a evitare la chiusura delle discariche. Ma l’utilizzo a ritmo elevatissimo di questi impianti ha provocato il superamento dei limiti di inquinamento. Intanto, la ditta Catanzaro, che gestisce la discarica di Siculiana, ha segnalato che i suoi valori sono in regola e, secondo una nota: “Lo scorso 25 agosto abbiamo comunicato di avere raggiunto i 21 giorni di avvenuto trattamento e l’Arpa ha provveduto ad eseguire un campionamento proprio per determinare l’Indice respirometrico dinamico. La metodica utilizzata dall’ARPA sarebbe stata non quella approvata nel progetto, ossia l’Indice di Respirazione Dinamico Reale, bensì quella dell’Indice di Respirazione Dinamico Potenziale. La Catanzaro Costruzioni ha comunque effettuato un proprio campionamento ed è evidente che la Catanzaro costruzioni ha sempre garantito la massima attenzione al rispetto della salute pubblica e né oggi né in passato, come è facilmente verificabile, è stato registrato alcun livello di inquinamento nell’impianto da noi gestito. ARPA Sicilia ci ha comunicato gli esiti dai quali si evince la veridicità  e l'affidabilità dei dati in nostro possesso, ma chiederemo lo stesso la ripetizione delle prove”.

Per questa ragione, già a partire dalla scorsa domenica, i ritmi delle due discariche si sono ridotti. L'assessorato pensava che il tutto potesse risolversi per giovedì, ma sembra proprio che la situazione andrà avanti fino al momento i n cui la Regione non troverà altre soluzioni. Nell’attesa gran parte dei Comuni di Palermo tornerà a scaricare fra Lentini, Melilli e Trapani.
 
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

"Inquinamento”, divieto di balneazione in 200 coste siciliane
L'estate non è ancora arrivata e, in Sicilia, scattano già i primi divieti di balneazione. Sale,...
22-feb-2017 12:25  leggi tutto

Villarosa, lupara bianca: 4 arresti
A Villarosa, nell'Ennese, sono scattate le manette per 4 persone. Si tratta di Damiano Nicosia,¡60 anni, Amedeo...
22-feb-2017 11:22  leggi tutto

La Scala dei Turchi si colora di rosso, “forse si tratta di ruggine”
La Scala dei Turchi si colora di rosso. Le immagini scattate dall'associazione MareAmico, delegazione di Agrigento...
22-feb-2017 11:21  leggi tutto

Droga a Palermo, affari tra mafia e camorra
Un giro d'affari tra la mafia e la camorra per vendere la droga a Palermo. Sono così state eseguite 16 misure...
22-feb-2017 11:17  leggi tutto

Sbarchi: 466 migranti in imbarcazioni condotte da 6 scafisti
La Polizia di Stato è ancora impegnata a gestire il trasferimento dei migranti giunti in queste ultime ore, presso...
21-feb-2017 11:12  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...