pornfile

ITALFIRE_SRL..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
sabato 13 agosto 2016 11:53
Notizie Cronaca: Sicilia, arriva il pedaggio in tutte le autostrade
Scritto da Redazione1   
ImageAutomobilisti siciliani avvisati: tra un anno tutte le autostrade dell'isola diventeranno a pagamento. E' la decisione presa dalla giunta Crocetta intenzionata a riformare il Consorzio autostrade siciliane (Cas) e a introdurre i caselli sulla Palermo-Trapani, la Palermo-Catania, la Palermo-Mazara e probabilmente anche sulla Catania-Siracusa.
«Il pedaggio - commenta l'assessore alle Infrastrutture, Giovanni Pistorio - sarà socialmente sostenibile e non servirà a fare profitto ma a coprire costi di gestione e manutenzione. E comunque arriverà insieme a un piano di investimenti che fino al 2019 farà piovere in Sicilia 800 milioni per ammodernare la rete».
Una volta riformato il Cas e stretto il patto con l'Anas nascerà una nuova società che canalizzerà investimenti nazionali sulle autostrade. Poi verrà introdotto il pedaggio. Il cuore del piano approvato dalla giunta è l' addio al Cas. Il Consorzio autostrade - spiega la relazione predisposta da Pistorio - non ha più i mezzi per portare a compimento la sua mission. Anche per questo motivo da Roma già un paio di volte è arrivata la minaccia di revocare le concessioni.
Dunque la Regione prevede un nuovo modello di gestione: una società mista Cas-Anas, che si muova come una Spa e abbia la «capacità di confrontarsi con i mercati». La Regione prevede di mantenere la governance «per indicare al nuovo soggetto gli indirizzi strategici e svolgere il conseguente controllo». Il modello a cui si ispira il progetto è quello del Cav (Concessionaria autostrade Veneto).
E su questo modello Pistorio ha già raggiunto delle intese a Roma. Da qui l' approvazione del piano da parte della giunta: «Crocetta ha dato il via libera - commenta l' assessore - avendo valutato le opportunità offerte da questa soluzione. Alla quale siamo arrivati grazie al buon feeling con il presidente dell' Anas Gianni Armani e con il ministro Delrio».
Il vecchio Cas diventerà una bad company, visto che la nuova società dovrà nascere scarica di debiti. Ma personale del vecchio Cas sarà comunque tutelato: transiterà nella nuova società e potrà mantenere il contratto Anas, la quale diventerà il cuore finanziario.
 
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Stabile la bimba ferita nel crollo della palazzina a Catania
Restano stazionarie nella sua gravità le condizioni di salute della bimba di 10 mesi rimasta ferita nel...
27-feb-2017 11:36  leggi tutto

Riciclaggio di preziosi rubati, sequestro da 4,5 milioni
La guardia di finanza di Trapani sta eseguendo un sequestro anticipato ai fini della confisca di beni, per un...
27-feb-2017 11:32  leggi tutto

Arrestata a Ragusa commercialista che truffava i clienti
Una commercialista di 45 anni, V.P, titolare di uno studio professionale a Ragusa è stata arrestata dalla...
27-feb-2017 10:54  leggi tutto

Sbarchi: tra i migranti anche un bimbo nato a bordo
Maxi sbarco di migranti al porto di Palermo: più di 950 le persone a bordo della nave norvegese Siem Pilot...
25-feb-2017 11:51  leggi tutto

Aggredi' un infermiere al P.S. di Villa Sofia Condannato
Con sentenza emessa in data odierna, 23 febbraio 2017, il Giudice di Pace di Palermo Dott. Dario Cutaia, ha condannato...
24-feb-2017 23:24  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...