MEDIAFIN_2_DI_LI_CALZI_ARCANGELO..
Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
sabato 13 agosto 2016 11:53
Notizie Cronaca: Sicilia, arriva il pedaggio in tutte le autostrade
Scritto da Redazione1   
ImageAutomobilisti siciliani avvisati: tra un anno tutte le autostrade dell'isola diventeranno a pagamento. E' la decisione presa dalla giunta Crocetta intenzionata a riformare il Consorzio autostrade siciliane (Cas) e a introdurre i caselli sulla Palermo-Trapani, la Palermo-Catania, la Palermo-Mazara e probabilmente anche sulla Catania-Siracusa.
«Il pedaggio - commenta l'assessore alle Infrastrutture, Giovanni Pistorio - sarà socialmente sostenibile e non servirà a fare profitto ma a coprire costi di gestione e manutenzione. E comunque arriverà insieme a un piano di investimenti che fino al 2019 farà piovere in Sicilia 800 milioni per ammodernare la rete».
Una volta riformato il Cas e stretto il patto con l'Anas nascerà una nuova società che canalizzerà investimenti nazionali sulle autostrade. Poi verrà introdotto il pedaggio. Il cuore del piano approvato dalla giunta è l' addio al Cas. Il Consorzio autostrade - spiega la relazione predisposta da Pistorio - non ha più i mezzi per portare a compimento la sua mission. Anche per questo motivo da Roma già un paio di volte è arrivata la minaccia di revocare le concessioni.
Dunque la Regione prevede un nuovo modello di gestione: una società mista Cas-Anas, che si muova come una Spa e abbia la «capacità di confrontarsi con i mercati». La Regione prevede di mantenere la governance «per indicare al nuovo soggetto gli indirizzi strategici e svolgere il conseguente controllo». Il modello a cui si ispira il progetto è quello del Cav (Concessionaria autostrade Veneto).
E su questo modello Pistorio ha già raggiunto delle intese a Roma. Da qui l' approvazione del piano da parte della giunta: «Crocetta ha dato il via libera - commenta l' assessore - avendo valutato le opportunità offerte da questa soluzione. Alla quale siamo arrivati grazie al buon feeling con il presidente dell' Anas Gianni Armani e con il ministro Delrio».
Il vecchio Cas diventerà una bad company, visto che la nuova società dovrà nascere scarica di debiti. Ma personale del vecchio Cas sarà comunque tutelato: transiterà nella nuova società e potrà mantenere il contratto Anas, la quale diventerà il cuore finanziario.
 
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Patti, 83 lavoratori irregolari in casa di riposo: 7 denunce
Avrebbe gestito una casa di riposo a Barcellona Pozzo di Gotto, riuscendo anche ad evadere gli obblighi contributivi...
03-dic-2016 11:31  leggi tutto

Rapina da 72mila euro a Bagheria, 2 arresti
Un colpo da 72mila euro a volto scoperto e senza armi. Una rapina che vedrebbe responsabili Antonino Sorrentino,¡42 anni...
03-dic-2016 11:23  leggi tutto

Omicidio di Lentini, fermato 27enne a Catania
C'è un fermo per l'assassino di Aldo Panarello, il 35enne freddato con 4 colpi di pistola, calibro 7,65 a Lentini. ...
03-dic-2016 11:06  leggi tutto

Dal Comune di Palermo compensi per chi prende i cani del rifugio
Per consentire l’avvio dei lavori di ristrutturazione e di messa in sicurezza dei locali del rifugio sanitario di via...
02-dic-2016 13:43  leggi tutto

Arrestata la banda delle spaccate
Al termine di due anni di indagini, i Carabinieri hanno arrestato Antonino D’Atria e Vincenzo Salemi notificando loro...
02-dic-2016 13:31  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

PRIMAVERA_RISTORANTE_PIZZERIA
ADASI..
Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...