pornfile

Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
martedì 09 agosto 2016 12:58
Notizie Cronaca: Omicidio di Mazara, trovato morto il presunto assassino - Video
Scritto da Redazione2   
ImageEra ricercato per il duplice omicidio di Angelo Cannavò e Rita Decina, avvenuto a Mazara del Vallo lo scorso 5 agosto, il giovane cittadino tunisino di 34 anni trovato senza vita, all’alba di ieri, dalla Polizia di Stato. Ben Saada Ouajidi (questo il suo nome) è stato trovato, suicida, nella sua abitazione a Marsala, dagli uomini della Squadra Mobile e del Commissariato di Mazara del Vallo, che erano sulle sue tracce dal giorno del duplice omicidio.
I sospetti della Polizia si erano concentrati sul tunisino dopo che, a casa della coppia, era stato rinvenuto un tablet la cui scheda sim era a lui intestata. La stessa vittima, Rita Decina, aveva cercato, poco prima di morire, di scrivere col sangue il nome dell'assassino, ma le lettere erano rimaste solo incomplete e abbozzate, probabilmente per il venir meno delle forze. Un altro elemento, che ha permesso alla Polizia di risalire al tunisino, erano state le riprese di alcune telecamere di sorveglianza.



I filmati acquisiti dagli investigatori mostrano chiaramente la macchina del tunisino che arriva e si allontana dalla casa della coppia proprio nell'intervallo di tempo dell'omicidio. Secondo la ricostruzione degli investigatori, il movente potrebbe essere stato un debito di droga che il tunisino avrebbe contratto nei confronti di Angelo Cannavò, a casa del quale la Polizia, il giorno del delitto, aveva rinvenuto diverse dosi di sostanze stupefacenti pronte per la vendita. Alla lite fra il tunisino e Cannavò avrebbe assistito Rita Decina, che è stata quindi uccisa in un secondo momento, mentre cercava di fuggire per le scale.
La donna ha cercato di difendersi con forza ma è stata colpita più volte. Il tablet del tunisino, rinvenuto a casa di Cannavò, era presumibilmente stato consegnato come pegno del debito di droga da saldare. Durante la perquisizione a casa dell'assassino sono stati rinvenuti un coltello compatibile con quello utilizzato per il duplice omicidio e gli abiti sporchi di sangue.
Le indagini, coordinate dal pubblico ministero di Marsala Giulia d'Alessandro, continuano per definire tutti i contorni della tragica vicenda.
 
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Tragedia alla Targa Florio, resta grave la figlia del pilota
Ancora sangue sulla Targa Florio, la competizione automobilistica storica siciliana, valevole come campionato...
22-apr-2017 11:15  leggi tutto

Cocaina nella "Palermo bene": quattro patteggiamenti
Hanno chiesto di patteggiare la pena quattro dei cinque presunti pusher arrestati a febbraio per spaccio di cocaina...
21-apr-2017 10:21  leggi tutto

Via D'Amelio, è ergastolo per i boss
La Corte d’Assise di Caltanissetta, presieduta da Antonio Balsamo, ha condannato all’ergastolo i boss...
21-apr-2017 10:19  leggi tutto

Misilmeri: tre arresti per droga e sequestro di hashish
Nel corso delle festività i Carabinieri della stazione di Misilmeri hanno eseguito mirati controlli finalizzati al contrasto...
21-apr-2017 10:18  leggi tutto

Emergenza diabete, crescono numeri e costi della malattia
Il vertiginoso ritmo di crescita della prevalenza del diabete, secondo soltanto all’incremento dei suoi costi, rappresenta...
21-apr-2017 10:16  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...