pornfile

Condividi su Facebook


PDF Stampa E-mail
lunedì 08 agosto 2016 12:39
Notizie Cronaca: Palermo, docenti manifestano contro gli esodi
Scritto da Redazione1   
ImageChiedono al governo di aprire un tavolo interistituzionale per fermare “l'esodo” dalle scuole del Sud a quelle del Nord i docenti che oggi sono stati protagonisti di manifestazioni e sit-in, in diverse città del Sud, per protestare contro il piano di immissioni in ruolo della “Buona scuola”.
“A un anno di distanza dall'approvazione della riforma, si scopre che il legislatore ha prima illuso e poi costretto tanti insegnanti a spostarsi anche a mille e oltre chilometri da casa", sottolinea l'Anief, secondo cui la procedura, che prevede l'allocazione degli insegnanti anche in sedi molto lontane da quelle della residenza, "è tutta da rivedere".
A Palermo, davanti la sede della Prefettura, i manifestanti hanno protestato con striscioni riportanti la scritta "Mobilità farsa è esodo di massa" e cartelli con indicate le destinazioni delle scuole del Nord dove sono stati assunti a tempo indeterminato.
La protesta è stata indetta dal 'Comitato 8 mila esiliati Fase B Gae', nato pochi mesi fa, per denunciare 'l'anomalia di una riforma, quella della Buona Scuola, che ha spedito al Nord gli insegnanti del Sud con i punteggi più alti e iperspecializzati pur in presenza di posti disponibili nelle scuole del Mezzogiorno". Secondo i manifestanti su 8 mila docenti immessi in ruolo nelle scuole del Nord, 5 mila sono siciliani e fino a due anni fa hanno insegnato negli istituti dell'Isola.
"Ho una figlia di 10 anni – dichiara la docente Caterina Casa - Fino all'anno scorso ho insegnato inglese e sostegno in una scuola media di Agrigento; da vent'anni faccio questo mestiere da precaria. Dal primo settembre sono costretta di andare a Milano per non perdere un contratto a tempo indeterminato".
"Questa riforma sta determinando - aggiunge - uno spostamento 'coatto' di insegnanti senza alcun criterio né logica. Non si capisce perché gli insegnanti con i punteggi più alti siano stati trasferiti al Nord , nonostante in Sicilia ci sono posti disponibili. Per effetto di questa riforma saranno occupati dei neolaureati senza alcuna esperienza e senza titoli a discapito della qualità della formazione al Sud".
Secondo i dati forniti da questi stessi comitati spontanei di insegnanti, 1.700 docenti in Puglia, 700 in Basilicata e 5mila in Sicilia, saranno chiamati a trasferirsi per raggiungere le sedi assegnate, secondo un algoritmo del Miur che ha stabilito le modalità di incrocio dei punteggi e delle sedi. Ed è polemica anche politica dove i parlamentari di Possibile, che fanno riferimento a Pippo Civati, hanno scritto al ministro dell'Istruzione Stefania Giannini per chiedere "urgenti chiarimenti in merito all'algoritmo".
 
 
< Precedente   Successiva >

Cronaca: Ultime Notizie

Soccorsi 150 migranti, anche un neonato di 45 giorni
Operazioni di soccorso di migranti sono state effettuate nel Mediterraneo Centrale, da parte delle unità...
23-mag-2017 10:40  leggi tutto

Mafia: boss ucciso; due le piste investigative
Gli inquirenti sono al lavoro sull'omicidio della Zisa che ha riportato la città di Palermo indietro di anni...
23-mag-2017 10:31  leggi tutto

La nave della legalità a Palermo con mille studenti
Come da tradizione per l'anniversario della strage di Capaci il porto di Palermo ha accolto i mille studenti arrivati con la...
23-mag-2017 10:28  leggi tutto

Morace risponde al gip. Entra Franza nell'inchiesta
Nell'inchiesta per corruzione che ha portato all'arresto dell'armatore Ettore Morace spunta il nome di Vincenzo Franza...
23-mag-2017 10:25  leggi tutto

Ucciso il boss Giuseppe Dainotti alla Zisa
Palermo ripiomba nel clima di violenza, con un omicidio di mafia avvenuto in strada e in pieno giorno, nel quartiere Zisa...
22-mag-2017 11:07  leggi tutto

Ultime Notizie

Sicilia,    Palermo,    Catania,   Messina,   Caltanissetta,   Trapani,   Siracusa, Ragusa,   Agrigento,   Enna,   I Comuni 

Arricchisci il tuo sito con Hercole
Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   Ok   Più info...